Blogging

Ragù e tortino di carne e patate

A casa mia il ragù è il sugo che regna sovrano.
Ci piacciono gli intingoli particolari, i condimenti imparati durante qualche viaggio, ma il ragù con la ricetta di casa è il top.
E’ facile, gustoso e con i sapori equilibrati, dà soddisfazione senza stufare ed è pratico da tenere in freezer e scongelare quando il tempo per cucinare è poco.
Insomma, viva il ragù, ma… non ho mai postato la ricetta!
Lo faccio circa una volta ogni due mesi, con dosi enormi, eppure niente, nemmeno una foto…
Bene, allora approfitto di questa ricetta per darvi anche quella del mio ragù, perfezionata negli anni di università, quando il tempo e i soldi per la spesa erano pochini e bisognava adattarsi.
Il tortino di oggi è semplice, uno stravolgimento del classico Cottage Pie londinese, che rivede appunto il ragù, con una base di patate affettate e lessate, il tutto racchiuso in uno scrigno di pasta sfoglia e passato al forno.
Niente di complicato, ma visto il mio amore per il ragù questo è davvero una prelibatezza (vi consiglio di preparare il ragù il giorno prima: diventa più buono ed è meglio aggiungerlo completamente freddo alla base di sfoglia).
Tortino di carne e patate
Ingredienti
-2 rotoli di pasta sfoglia; 
-2 patate medie;
-timo;
RAGU’ DI CARNE
-1 carota;
-1 costa di sedano;
-1 cipolla;
-300 gr macinato misto manzo/maiale;
-2 cucchiai concentrato di pomodoro;
-400 gr polpa di pomodoro (a me piace molto ‘pomodoroso’);
-200 ml acqua; 
-2 foglie alloro;
-basilico;
-sale&pepe;
-olio d’oliva.
Preparate il ragù.
Pelate la carota e la cipolla, prendete anche il sedano, lavatelo e tritate tutto molto finemente.
Versate in una pentola capiente abbondante olio, fate scaldare ed unite gli ingredienti per il soffritto, salate leggermente e fate rosolare, senza che si scurisca troppo, abbassando la fiamma appena risulta dorato.
Fate stufare qualche minuto, quindi alzate la fiamma ed unite subito la carne, mescolando molto spesso col cucchiaio in modo da ridurla in piccoli pezzetti.
Quando inizia ad espellere i primi liquidi, condite con sale e pepe, il concentrato, unite l’alloro ed il basilico, mescolate bene quindi versate la polpa di pomodoro e l’acqua.
Portate a bollore, quindi abbassate la fiamma al minimo in modo che sobbollisca e coprite con un coperchio lasciando uno spazio per la fuoriuscita del vapore.
Mescolate di tanto in tanto, valutando la consistenza e le spezie, aggiustando se serve.
Dopo circa due ore (anche un pochino meno vista la dose contenuta) dovrebbe affiorare l’olio e dovrebbe assumere una consistenza densa e piuttosto omogenea tra carne e pomodoro.
Lasciate intiepidire quindi o congelate oppure conservatelo chiuso in contenitori ermetici per massimo due giorni in frigorifero.
Come ho già scritto sopra, fatelo la sera e lasciatelo raffreddare, quindi ponetelo in frigo e prelevatelo prima della preparazione.
Mettete a bollire una pentola d’acqua, salate al bollore ed accendete il forno a 180°.
Lavate e pelate le patate, quindi con una mandolina affettatele con lo spessore di 3-4 mm.
Tuffatele nell’acqua che bolle e cucinatele per 5-6 minuti.
Scolate e lasciate raffreddare.
Prendete 4 cocotte e foderatene l’interno con la sfoglia, tenendo da parte 4 dischi grandi come la base per chiudere il tortino (oppure foderate la base ed i lati di una tortiera con 22-24 cm di diametro, tenendo il secondo foglio di sfoglia per la copertura).
Tamponate le patate con della carta assorbente e usatele per fare uno strato compatto sul fondo delle cocotte (o tortiera) rivestite di sfoglia. Spolverate con un pizzico di timo, quindi versate un mestolo di ragù freddo, in modo da arrivare vicini al bordo dei contenitori.
Appoggiate sopra i dischi di sfoglia, passate il bordo della cocotte, esternamente, con un coltello in modo da eliminare la parte in eccesso e pressatene bene il punto di giunzione tra le sfoglie.
Praticate dei fori o tagli sulla sommità in modo da far diventare croccante la pasta.
Infornate per 25-30 minuti, quindi prelevate dal forno, fate riposare 10 minuti (la vostra lingua vi ringrazierà!) e servite!

No Comments

Leave a Reply