Blogging

La grigliata alla triestina: oh mamma!

Sabato sera sono andata a mangiare nel mio ristorante preferito di Trieste.
Ho sempre adorato i menù curati, con una frase lunga tre righe per descrivere un piatto, che accanto avevano un prezzo corrispondente contenuto.
Soprattutto apprezzo l’accuratezza dei piatti, magari un po’ particolari ma non eccessivamente complicati, che presentano una quantità di cibo utile a saziarti, lasciandoti però lo spazio per il dolcetto finale, che deve completare con gusto e delicatezza le portate precedenti, senza appesantire.
Tutto ciò era riassunto nel “mio” ristorante triestino.
Antipasti stravaganti e deliziosi, primi piatti gustosi, ma non pesanti, spesso alleggeriti con spezie e foglie fresche, secondi piatti importanti, accompagnati da piccoli contorni, con l’accostamento perfetto di gusti diversi, e infine dolci spettacolari.
Per non parlare del pane! Fatto in casa, servito leggermente tiepido, come anche i grissini, magari anche con più specialità, come quello alle noci o al radicchio rosso: una trappola anche per i migliori salutisti fissati con la dieta!
Una delizia sopraffina è stato un antipasto, semplicissimo, che può fare qualunque(oddio, non proprio chiunque) persona a casa: Culatello con salsa caramellata al pepe rosa.
Un ottimo culatello affettato nel giusto spessore(ovviamente né troppo fino, né troppo grosso), steso su un letto di insalatina fresca non condita, sopra al quale è stato versato uno sciroppo delicato, fatto con zucchero ed acqua, dove poi è stato fatto caramellare il pepe rosa. Tutto qui! Eppure era uno spettacolo di sapori.
Bene, tutto questo per dire che ora non credo andrò più nel mio ristorante preferito!
Sabato mi è stato presentato un menù spartano, degno della più tipica cucina alla buona, piatti da trattoria(ma sempre con gli stessi prezzi di prima!) con tanto di galletto alla diavola e grigliata mista: cioè scherziamo? In un ristorante che vuole passare per alta cucina raffinata mi presentano una grigliata come se fossimo in agriturismo? Poi fosse una grigliata di quelle serie, gustose e soprattutto non da due soldi, dove la costata di manzo, le costicine, la bistecca di collo fanno da padrone, insieme magari ad una polenta fresca e a verdure grigliate(con sistema, bagnandole bene, ma non troppo, con l’olio, e scelte con cura). No! La tipica grigliata triestina(spero che i muli e le mule non la prendano male, non è colpa mia se non hanno mai assaggiato una grigliata fatta con i fiocchi) con miseri cevapcici, salsiccia(orribile, piena di grasso durissimo e con duecento aromi per nascondere il sapore pessimo della carne), lonza di maiale e wurstel(si, esatto signori triestini, si chiama wurstel, no “vienna” oppure salsiccia!).
Che tristezza vedere che in un anno un ristorante si getta così nella perdizione, dando più retta ai clienti spartani che a quelli raffinati, buttando al fuoco ricette fantasiose per dare spazio a misere pietanze che ti servono anche in osmiza.
Delusione, soprattutto poi guardando il conto presentato a fine serata!
Certo, nella vita bisogna sperimentare di tutto, ma se volevo andare in agriturismo, non progettavo una cenetta d’alta cucina, e me lo sceglievo con cura!

11 Comments

  • Reply
    [MiMMuZ]
    16 Giugno 2009 at 9:49

    Oddio le grigliate dei triestini! Sono proprio pessime! Ne aspetto uno sui caffè triestini (molto buoni) ma con dei nomi a dir poco *ridicoli*.

  • Reply
    Alessandro
    16 Giugno 2009 at 11:50

    Cucina triestina = cucina austriaca. Pessimo.

  • Reply
    Massimo
    16 Giugno 2009 at 15:48

    Non ho idea di come si mangi a TS e dintorni,ma ti garantisco che posticini da favola,anche dalle mie parti hanno fatto il salto di qualità,ma all'incontrario purtroppo,come è successo a te!!è un vero peccato e lascia l'amaro in boca….e non per il digestivo finale!!

  • Reply
    Simon_
    17 Giugno 2009 at 7:34

    magari hanno cambiato gestione nel tuo ristorante? è un vero peccato comunque..mentre leggevo la prima parte avevo la bava xD

  • Reply
    YayettA
    17 Giugno 2009 at 7:59

    macchè, è quello il problema, la gestione è la stessa!!!!!Sigh… però quel culatello era proprio buonissimo!

  • Reply
    heavyhorse
    17 Giugno 2009 at 12:13

    fame

  • Reply
    YayettA
    17 Giugno 2009 at 12:35

    Hehe..era la mia speranza…farvi venire fame…e po proporvi un ristorante che mi paga per pubblicizzarlo!!HAHAHAHA
    Locanda San Francesco: ottima cucina, camerieri all'altezza, compagni di tavolo un pò stronzi, ma vicini di casa super! per la modica cifra di 200 euro a testa potreste uscire QUASI sazi!

  • Reply
    [MiMMuZ]
    17 Giugno 2009 at 17:16

    sì, ma il menù cosa offre??

  • Reply
    Anonimo
    19 Giugno 2009 at 6:28

    preferisco la fiorentina di cavallo !!!!!!!!

  • Reply
    Giuditta
    24 Giugno 2009 at 15:57

    Ok, con i "vicini di casa super" ti sei guadagnata un commento.
    Mi spiace per il ristorante. Ahimè, pare essersi adeguato tra cucina e locale. Solo che invece di migliorare il locale (i tavolini e le sedie di plastica all'innaugurazione non me le scordo) ha abbassato lo standard della cucina.
    Mai provata la grigliata qui ma…ho voglia di una grigliata come si deve. E se quando siamo su in cadore, una domenica ne organizzassimo una?

  • Reply
    YayettA
    24 Giugno 2009 at 19:37

    Anche due, io a casa ho una supergriglia, e ho esperienza pluriennale in preparazionediottimegrigliate!!!!
    Se il tempo ci concede una bella giornata casa mia è sempre aperta!

  • Leave a Reply