Autunno/ Intolleranze/ Inverno/ Secondi piatti

Costicine di maiale al miele e pere agrodolci

Costine slow cooker
Mai come quest’anno sento il tempo scorrermi tra le dita.
Mai come quest’anno ho sentimenti contrastanti per la corsa al Natale.
Ci sono giornate in cui sforno biscotti e preparati vari, altri in cui preparo scorte di casunziei e allestisco la tavola come se fosse già arrivato il Babbo barbuto, e altri ancora in cui spengo le luci dell’albero e desidero solo che sia il 7 gennaio.
Insomma, è un periodo un pochino di trambusti, ma per fortuna ogni tanto arrivano belle notizie.

Il prossimo weekend sarò impegnata in un evento-raduno qui a Cortina con le mie amiche Bloggalline e la presentazione del libro Il Gusto della Terra, con il super-supporto di iFood ma, soprattutto, ho ricevuto un prodotto da testare che volevo acquistare da tempo: la slow cooker Crock-Pot.

La slow cooker è una pentola con una struttura di sostegno radiante elettrico, diffusa a partire dagli anni Settanta in Nord America, che consuma all’incirca come una lampadina.
Il modello è quello da 2,4 litri, perfetto per due persone, con un interno in ceramica facile da lavare e ottimo per tenere la temperatura, con due regolazioni di temperatura: LOW e HIGH.
Il concetto fondamentale è realizzare preparazioni a lenta cottura (quindi privilegiare tagli di carne meno pregiati e ricchi di tessuto connettivo, economici e che con le lunghe cotture vanno a nozze, oppure zuppe leguminose che amano farsi avvolgere da aromi e brodi, ma anche dolci!) e sfruttare l’indipendenza della slow cooker che non necessita di mescolamenti, riducendo il quantitativo di liquido necessario (anche perché meno la si apre meglio è, altrimenti la camera di vapore si disperde e ci vorrà del tempo per ritornare alla temperatura pre-apertura) e potendola tranquillamente lasciare accesa senza controllo.

Già dall’apertura del pacco mi frullavano in testa mille idee: un piatto di carne della tradizione di montagna? Oppure una zuppa, perfetta per le temperature invernali? O ancora un piatto che mi ricordasse la cucina di casa? O una preparazione classica a lenta cottura?
Alla fine ho voluto optare per un taglio di carne che normalmente faccio alla griglia o in forno rosolato, apprezzandone così una nuova veste in lunga cottura, arricchita da spezie e note agrodolci.
Il fatto di non aprire il coperchio (io l’ho fatto circa dopo 3 ore per spostare le costicine sul fondo in sommità e viceversa per quelle in superficie) aumenta la conservazione dei profumi, che erano intensi e perfettamente equilibrati.

Normalmente sono spaventata dalle lunghe cotture perché comunque necessitano un controllo, spesso opto per realizzazioni classiche come il brasato al vino rosso (che non vedo l’ora di provare con questa pentola) oppure zuppe, e sono soddisfatta perché il risultato è stato quello che ci si aspetta da temperature controllate e prolungate: la carne si sfaldava al taglio e non opponeva alcuna resistenza nello staccarsi dall’osso, gli aromi si distribuivano in tutte le parti della costicina, carne e tessuti resi morbidissimi.

Eccovi allora la mia ricetta!

Costine slow cooker

COSTICINE DI MAIALE AL MIELE E PERE AGRODOLCI
per due persone, Slow cooker da 2.4 lt
Print
Prep Time
15 min
Cook Time
6 hr
Total Time
6 hr 15 min
Prep Time
15 min
Cook Time
6 hr
Total Time
6 hr 15 min
Ingredienti
  1. -8 costicine di maiale;
  2. -2 cucchiai d'olio d'oliva extravergine delicato;
  3. -1 cucchiaino sale grosso;
  4. -300 ml acqua calda;
  5. -1 cucchiaino pepe di Sichuan;
  6. -2 cucchiai colmi miele;
  7. -2 foglie salvia;
  8. -6/8 aghi di rosmarino;
  9. -1 pera abate;
  10. -1 cucchiaio zucchero Muscovado;
  11. -1 cucchiaio aceto di mele.
Preparazione
  1. Versate in una padella l'olio e rosolate bene su tutti i lati le costicine, quindi salate e posizionate nella Slow cooker.
  2. Versate metà dell'acqua nella padella in modo da raccogliere tutti i succhi della cottura e distribuite sulle costicine.
  3. Unite in una ciotola il resto dell'acqua miele e le spezie tritate e versate tutto nella pentola, quindi mescolate e accendete sul livello Low.
  4. Controllate ogni tanto il livello di liquido, che non dovrebbe scendere di molto e lasciate cuocere per circa 3 ore, mescolate velocemente in modo che le costicine più immerse nel liquido siano sostituite da quelle più in sommità e richiudete subito.
  5. Dopo circa 5 ore e 30 di cottura mescolate in una ciotola la pera lavata e tagliata a dadi di circa 2 cm con lo zucchero e l'aceto, unite il tutto nella Slow cooker e spostate la regolazione su High.
  6. Dopo circa mezz'ora valutate la cottura: se le costicine si staccano facilmente dall'osso e le pere sono morbide (senza sfaldarsi) potete spegnere e servire.
Notes
  1. Note: essendo in ceramica il contenitore, dopo aver rimosso le costicine fatelo raffreddare prima di lavarlo, in quanto gli sbalzi di temperatura potrebbero farlo rompere.
One CAKE in a million https://www.onecakeinamillion.com/

Costine slow cooker
Costine slow cooker
Costine slow cooker
Costine slow cooker

RICETTE CON LA ZUCCA

14 Comments

  • Reply
    Federica
    14 dicembre 2015 at 11:14

    O_O mamma mia che invitanti!!! 😛

  • Reply
    Nicol
    14 dicembre 2015 at 14:13

    Mioddio ho finito 1 oretta fa di mangiare (una misera insalatina ed il roast beef) e vorrei subito, adesso, quelle costicine succose.
    Bravissimissima *_*
    (ti aspetto per cena eh)

    • Reply
      Monica Giustina
      18 dicembre 2015 at 11:12

      Hai presente quando la ciccia si sfalda e fa un tutt’uno col sughetto? Ecco *-*
      Grazie cicci :* :*

  • Reply
    Eleonora Gambon
    14 dicembre 2015 at 16:10

    Mmmmh che bontà!! La slow cooker ormai è un must to have…mi sa che Babbo Natale avrà cosa scegliere nella mia letterina…

    • Reply
      Monica Giustina
      18 dicembre 2015 at 11:12

      E’ davvero un ottimo metodo di cottura, ora devo provare mille ricette che ho già in mente! Grazie !

  • Reply
    Fabio
    15 dicembre 2015 at 16:57

    Ma che forte questo strumento di cottura!
    Il risultato mi sembra eccellente.

    Fabio

  • Reply
    germana Busca
    16 dicembre 2015 at 0:49

    Hanno un aspetto molto invitante Monica , certo che questa pentola cuoce davvero benissimo la carne risulta ottima!! Un bacione

    • Reply
      Monica Giustina
      18 dicembre 2015 at 11:13

      Davvero fantastica Germana, mi piace come rende tutto tenero e succoso!

  • Reply
    Margherita
    16 dicembre 2015 at 16:31

    Se dovessi dare retta alla mia bilancia credo che non dovrei più leggerti, brutto dirlo, ma sarebbe un bene. Se dessi retta (come faccio sempre) alla mia gola-profonda come un pozzo senza fine- e alla mia voglia di cucinare metterei il tuo blog come pagina iniziale di internet al posto di google. Mentre penso di voler preparare la mitica torta con il cuore all’arancia arrivi tu con questa ricetta. Ringrazio il cielo che da quando sono in Italia il tempo vola via che manco me ne accorgo… fammi tornare a Montreal che queste costine finiscono in pentola!

    • Reply
      Monica Giustina
      18 dicembre 2015 at 11:15

      Ehehehe Margherita sei sempre fantastica, presente e delicata. Grazie mille di dedicarmi così tante parole e soprattutto attendo i tuoi esperimenti sempre bellissimi <3

  • Reply
    Chiara
    27 dicembre 2015 at 16:20

    Ma se te le prenoto per quando verrò a trovarti??? Facendo qualche piccolo strappo alla regola diciamo che posso permettermi di mangiare tutto e sono troppo troppo invitanti *.* le mangerei anche adesso per merenda!
    bacissimi

    • Reply
      Monica Giustina
      30 dicembre 2015 at 9:23

      Ehehe ma certo, tu prenota tutto e che poi prepariamo un bel menù 😉

    Leave a Reply

    CONSIGLIA Pasticcini di frolla montata