Autunno/ Inverno/ One pancake

Pancake alla zucca, di Jamie (con composta e lardo)

 
Oggi parte una nuova rubrica all’interno del mood del momento, ossia Orange is the new black.
In questi giorni, come avrete già letto, c’è un colore predominante che dirige tutte le ricette del blog, ossia l’arancio, ed anche quella di oggi.
L’autunno porta con se aria di novità e quindi mi pareva giusto aprire un nuovo capitolo che mi sta particolarmente a cuore: i Pancake.
Non sono presenti a caso nel nuovo logo del blog, perché sono uno dei piatti che più ho analizzato e stravolto, fino a trovare la mia personalissima ricetta. 

Il tutto nasce alla sagra del mio paese di 4 abbondanti anni fa, dove mi sono autoincastrata nel preparare i dolci, ma non una classica torta preparata in anticipo, no.
Pancake.
Espressi.
Essendo un piccolo paese, con tanti anziani e persone molto tradizionaliste, non ho voluto aprire il vaso di pandora dello sciroppo d’acero, perché se già era difficile far capire la pronuncia P A N C A K E e che cosa fossero realmente, figuriamoci servirli con uno sciroppo con origini d’oltre oceano (che tra l’altro qui costa un’esagerazione), così li abbiamo proposti con fragole e panna montata (ovviamente non quella preconfezionata). Ci ho messo un paio di settimane a testare la ricetta, finché una mi pareva perfetta. Purtroppo però farli sotto ad un tendone, con correnti d’aria, caldo e grandi quantità non è come farli a casa, così ho ricalibrato le dosi ed ora posso dire di aver trovato quella giusta, che trovate QUI. Seguite le istruzioni ed avrete la perfezione (soddisfatti o rimborsati: se non vengono, suonate al mio campanello e ve li preparo io!).
 
 
Ebbene, oggi il primo post di One Pancake è sui pancake alla zucca.
Li ho trovati su Jamies Magazine, bellissimi ed invitanti.
La zucca però doveva essere arrostita al forno ed io ne avevo già cotta al vapore il giorno precedente per fare degli gnocchi (si, arriveranno anche quelli, ORANGE ovviamente), ma troppa. Essendo umida e più abbondante ho dovuto ricalibrare la ricetta ricordando la densità che deve avere quella dei pancake classici. La ricetta ha spezie che li vedono meglio accompagnati a condimenti salati, così li ho serviti con la mia ormai intramontabile composta di cipolle rosse e qualche fettina di lardo speziato preso nel Chianti.
Una goduria!
 
PANCAKE ALLA ZUCCA (con composta e lardo)
 
Ingredienti (10 pancake):
 
-350 g zucca cotta al vapore, calda;
-1 uovo (io sempre quelle meraviglie del cortile di casa);
-200 ml latte fresco a T ambiente;
-1 peperoncino;
-2 rametti di rosmarino tritati molto finemente;
-30 g parmigiano grattugiato;
-160 g farina 00;
-2 cucchiaini lievito in polvere;
-punta di un cucchiaino bicarbonato;
 
-olio o burro per la padella;
 
-10 cucchiaini composta di cipolle;
-10 fette lardo speziato.
 
Preparazione:
 
Schiacciate con i rebbi di una forchetta la zucca in modo da ottenere una purea liscia e lasciatela raffreddare.
In una ciotola sbattete leggermente l’uovo, unitevi il latte, il peperoncino tagliato a pezzetti, il rosmarino ed il parmigiano, sbattete e lasciate aromatizzare.
Quando la zucca è fredda aggiungetela ai liquidi, mescolate bene, quindi setacciatevi sopra la farina ed il lievito e mescolate a fondo con una frusta, ottenendo un composto omogeneo.
Scaldate un padellino, versatevi un cucchiaino d’olio, o un pezzettino di burro, portatelo a temperatura e versate un mestolino di composto. Cuocete a fiamma medio-bassa per un paio di minuti, finché si formano dell piccole bolle in superficie ed i lati appaiono cotti e gonfi, quindi girateli e farteli cuocere per altri due minuti.
Eseguite lo stesso procedimento per tutta la pastella, quindi serviteli ancora caldi accompagnati dalla composta di cipolle e dal lardo che si scioglierà rendendo il tutto meraviglioso.Se vi piace la ricetta e se volete rifarla e fotografarla, taggatemi nelle vostre foto di instagram come monioneinamillion !
 
 

 

11 Comments

  • Reply
    Nicol - Col kitchen and photos
    21 Ottobre 2014 at 8:21

    Eccoli!!
    Buoooona la composta di cipolle! E poi vogliamo parlare del lardo?
    Vabbè, promossi a pieni voti 😀
    bacetti

    • Reply
      onecakeinamillion
      21 Ottobre 2014 at 12:21

      I pancake li conosci bene, e grazie per il sigillo d'approvazione sull'accompagnamento 😀

  • Reply
    Giulia Cappelli
    21 Ottobre 2014 at 10:10

    Bellissimi e hanno un colore che adoro! sai che orange is the new black è il titolo di un telefilm? forse lo sapevi già e sono stata distratta e non avevo letto…. comunque pancakes deliziosi!!! gnammy!!! buon giornata

    • Reply
      onecakeinamillion
      21 Ottobre 2014 at 12:22

      Maddai non sapevo! Non è che or ami citano per plagio? Aiut!
      Grazie, buona giornata anche a te!

  • Reply
    conunpocodizucchero Elena
    21 Ottobre 2014 at 12:41

    lo hai detto tu eh, io arrivo a suonare! 🙂
    sono una meraviglia, davvero una meraviglia! mi piace qst news! 🙂

  • Reply
    La Greg
    21 Ottobre 2014 at 20:16

    Io adoro arancio…mentre non amo la zucca ma se ti dici che questa ricetta è perfetta va provata…poi semmai utilizzo la formula 'soddisfatti-rimborsati'!

    • Reply
      onecakeinamillion
      23 Ottobre 2014 at 9:57

      Dai su, provali e vedrai che cambi idea sulla zucca cattiva 😀
      Altrimenti ti mando il mio indirizzo 😉

  • Reply
    Fabiana Del Nero
    21 Ottobre 2014 at 20:39

    Pancakes tutta la vita!!!!
    Mi piace questa versione autunnale….con la ricchezza del lardo poi il godimento è garantito!:))

    • Reply
      onecakeinamillion
      23 Ottobre 2014 at 9:58

      Eh si, il lardo esalta ogni sapore e nei moemnti in cui il freddo fa capolino ci stà alla perfezione ovunque (o quasi)

  • Reply
    Pancake al cacao e kefir (con pere al Marsala) | one cake in a million
    2 Febbraio 2015 at 13:49

    […] giusto. Ricordate sempre gli elementi fondamentali (che trovate nelle puntate precedenti qui, qui e qui): impasto freddo e denso con equilibrio di agenti basici ed acidi, padellino unto con un […]

  • Leave a Reply

    CONSIGLIA Canederli in brodo